Vietate le fermate agli autobus extraurbani. Consentita su Piazzale Falcone-Borsellino per i controlli

Il sindaco firma un'ordinanza

Un ulteriore provvedimento per “blindare” sempre di più Modica ed evitare ingressi in Città da parte di persone che provengono da qualsiasi altra zona italiana o estera. E’ questo il senso del provvedimento adottato dalla Giunta Municipale di Modica che ha chiuso tutte le fermate degli autobus extraurbani ad eccezione di quella principale di Piazzale Falcone – Borsellino. In questo modo sarà molto più semplice per la Polizia Locale riuscire a controllare tutti i passeggeri in arrivo a Modica.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE

Vietato l’uso dell’acqua, se non previa ebollizione, della rete idrica comunale

Vietato l’uso a scopo potabile se non previa ebollizione dell’acqua erogata da tutta la rete idrica comunale.

E’ quanto ha disposto il sindaco con propria ordinanza (la n° 14661 del 26 marzo 2020) a motivo del fatto che le falde acquifere, su accertamento del personale del X settore, in atto sono state interessate da infiltrazioni di acqua superficiale a seguito delle piogge che hanno interessato in queste ultimi giorni tutto il territorio comunale.

Le opere di clorazione, peraltro, non sono state sufficienti a garantire la regolare potabilizzazione delle acque immesse nella rete idrica comunale.

Il sindaco nella sua ordinanza ha disposto, altresì, che il responsabile del servizio idrico e del servizio clorazione, di porre in essere tutte le azioni necessarie al fine di ripristinare la regolare erogazione di acqua potabile.

 

 

 

 

L’Ufficio Stampa

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE

Misure contro la diffusione del COVID – 19. Il sindaco invia una nota al Prefetto di Ragusa elencando tutte le misure assunte dall’ente.

In una nota inviata al Prefetto di Ragusa, il sindaco Ignazio Abbate, informa il rappresentante del Governo delle iniziative che sono state assunte dall’Ente a beneficio della cittadinanza al fine di fronteggiare il diffondersi del Coronavirus.

Nella nota del primo cittadino si legge tra l’altro:

“Questo Ente ha prontamente attivato il C.O.C. – e nello specifico e nell’immediatezza le funzioni inerenti “l’Assistenza alla Popolazione”, quella del “Volontariato” oltre a quella connessa alle “comunicazioni” ed i “Mass media”.

Nell’ambito dell’assistenza alla popolazione in particolare sono stati attivati servizi volti a limitare le uscite e le aggregazioni, limitandoli solo ai casi eccezionali, e attivando a tal servizio a domicilio rivolto specialmente agli ultra 65 anni e alle persone con disabilità e famiglie mono parentali.

Tali servizi, formalmente attivati dal giorno 13 marzo contattando il numero unico 3357878829 dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 20.00 riguardano:

  • consegna a domicilio farmaci (farmacie e farmacie dell’Ospedale per i presidi dispensati da quest’ultimi);
  • consegna a domicilio spesa;
  • trasporto disabili per visite d’urgenza non procrastinabili, con mezzi attrezzati;
  • consegna a domicilio di tutti i presidi sanitari ospedalieri in accordo con l’ASP;
  • servizio a cura degli Agenti di Polizia Locale per prelievo bancomat per utenti impossibilitati a deambulare;

I servizi sono coordinati dai Servizi Sociali dell’Ente che valutano le situazioni di necessità espresse dai cittadini; nello specifico 4 Assistenti Sociali si alternano con 3 ore di front office e 3 ore di back office ciascuno, realizzando in tal modo un segretariato sociale gestito da professionisti.

Il servizio è svolto in rete tra il Comune di Modica (Servizi Sociali e Protezione Civile Comunale), e Associazioni di Volontariato facenti parte del COC (Gruppo comunale Volontari Protezione Civile, Misericordia, Gruppo ANVVFC), che si occupano della consegna di quanto richiesto dai cittadini, ognuna gestendo una delle 3 macro aree comunali in cui è stato suddiviso il territorio.

A questi servizi, dal 25 Marzo, si è aggiunto anche il sevizio a domicilio in favore dei cittadini che necessitano di analisi mediche urgenti tramite infermieri professionali dotati di sistemi di prevenzione (Covid – 19)

Inoltre per affrontare le situazioni di disagio economico, è stato istituito dal 24 marzo il Servizio Voucher spesa gestito con il numero unico 3313046600; il servizio è realizzato a cura dei Servizi Sociali con 4 operatori, con le stesse modalità dei servizi sopra citati, ed è rivolto ai cittadini già seguiti da servizi sociali stessi, che versano in situazione di particolare necessità.

Il Servizio Voucher prevede 20 euro per ogni componente del nucleo familiare, una tantum a famiglia, fino al 3 aprile, per un totale di 1.000 voucher complessivi; qualora dovesse essere necessario, si effettuerà un ulteriore impinguamento sulla disponibilità delle somme stanziate.

Se l’emergenza dovesse protrarsi oltre il 3 aprile, si provvederà a fare ulteriore erogazione a famiglia sempre con le stesse condizioni e modalità sopra indicate.

L’obiettivo dell’amministrazione Comunale con i Servizi sopra citati, conclude il sindaco, è quello di fornire alla cittadinanza tutti i servizi necessari per venire incontro ai disagi e alle problematiche che vede coinvolti i cittadini in questo difficile momento”.

 

 

L’Ufficio Stampa

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE